Aperitif De Sfroos
16
/ 9 / 04

Al mio arrivo all'appuntamento per il pre-aperitif trovo già a piantonare il marciapiede di fronte al bar cinese il Bertin e la Sguaraunda. Dopo i saluti
entriamo nel bar carichi di coraggio per fronteggiare i subdoli attacchi delle temibili acciughe del Seveso.
Ma il dramma incombe..... inizialmente si sfiora l'incidente diplomatico causato dalle insormontabili differenze culturali...infatti il Campari col bianco é
irrimediabilmente... senza bianco!!!!!!! occhei non possiamo pretendere che introducano nel dizionario ITALIANO-CINESE la voce "campari col bianco", e questo può starci, ma fornirci come cibarie una sola scodella di patatine... no no questo é troppo!!!!!!!!!!
Nel frattempo arrivano la Silvia-Papik ed il Francu.

Lasciandoci alle spalle le tristezze culinarie del pre-aperitif ci dirigiamo all'aperitif vero e proprio.

Al gruppo si unisce il Pioggia versione esistenziale nel delicato momento in cui un uomo vero, e per giunta col fisico bestia, deve decidere se abbracciare o meno
la corrente filosofica dei boxer. La decisione deve impegnarlo parecchio perché si dimentica di non essere astemio ed ordina un analcolico scatenando il terrore
tra gli astanti...vivo é, infatti, ancora il ricodo dell' "invasione degli ultracorpi".

Ma ecco spuntare un gran bel sorriso seguito a ruota dalla sua proprietaria La Breva, che con stile é riuscita a portare fuori dal traffico i nervi saldi!

E poi si ride, si mangia, si beve e si parla ed arriva l'ora di andare a casa aspettando il prossimo aperitif e le prossime risate, le prossime chiaccherate di
fronte ad un bicchiere, i prossimi sorrisi che son sempre quelli ma che non sono mai scontati.

E alura avanti così conservatevi intonsi e sottospirito alleluya alleluya!

grazie a tutti
la Pan